Master Clock e Quarantena

Master Clock e Quarantena

 

La quarantena potrebbe anche sconvolgere il nostro Master Clock: ma cos’è il Master clock?

Il nostro orologio interno che ci consente di guidare in modo ottimale la cascata ormonale. Al mattino la luce, un giusto riposo, una giusta temperatura esterna fanno si che si attivi il sistema nervoso simpatico e con esso tutti i segnali eccitatori che permettono le attività giornaliere di catabolismo per ricavare energia, adeguatamente compensate da reintegro attraverso i pasti. Con il crepuscolo, tutte le attività cataboliche giornaliere devono essere sostituite da attività opposte di ricostruzione e detossinazione perchè il buio riduce la produzione di cortisolo, di testosterone e adrenalina per lasciare spazio all’ ormone gh, la melatonina e il glucagone responsabili anche del reset immunitario e del washout cerebrale. Pertanto di sera non si dovrebbe mangiare molto, nè dedicarsi ad attività impegnative sia dal punto di vista fisico che intellettivo, ma piuttosto cercare di rilassarsi leggendo un buon libro a lucI basse, utilizzando il meno possibile gli schermi luminosi di smartphone e tablet.

In realtà ciò che accade è, in generale, sempre più l’opposto: la cena tarda e abbondante è divenuta la routine di molti, così come l’attività fisica serale dopo il lavoro e lo stesso lavoro, trascinato a casa, quando tutti dormono. In questo periodo di quarantena il tutto assume un quadro peggiorativo a causa di quel loop di noia misto a stress che ci porta a cucinare cibi gustosi a base di carboidrati, ad andare a letto tardi la sera per svegliarci al mattino altrettanto tardi e ancora più stressati dall’incertezza sul lavoro, dalla paura della malattia e dall’ angoscia di non poter abbracciare i nostri cari. Lo stress è il peggiore perturbatore del Master Clock perchè mantiene alto il livello del cortisolo e con esso tutta la cascata ormonale a valle, così da non avere più distinzione tra notte e giorno. Una delle conseguenze è l’accumulo di massa grassa, ma non è la sola: l’assenza di orologio interno e la relativa disregolazione ormonale generano infiammazione che può essere alla base di molti malesseri che non trovano cause specifiche e che sono di difficile risoluzione.

Il consiglio del giorno è quindi: consumare presto una cena parca, avvicinarsi al sonno in maniera graduale con sane e concilianti letture, dormire bene e al mattino svegliarsi non troppo tardi e… con una gran fame!

Condividi